MA-BO | Il titolo nell’8° edizione del Torneo è della maratoneta Lim – Le foto

Finale tutta straniera per l’8.a edizione del Trofeo Ma-Bo, 25.000 $ ITF femminile splendidamente organizzato dal Nord Tennis Sport Club di Torino.
Da una parte la bulgara di Sofia, Dia Evtimova, in carriera già numero 145 della classifica mondiale (nel 2011 quando si impose anche nel 50.000 $ e ospitalità di Zagabria), classe 1987; dall’altra la francese di Parigi Alizè Lim, classe 1990 e nota alle cronache tennistiche per l’ammirazione infinita nei confronti di Roger Federer ed il fidanzamento con il connazionale Chardy. Atto decisivo per il titolo tra bellezze poiché entrambe le protagoniste possono essere a ragione inserite nel novero delle pin up del circuito internazionale.
Nel primo set è stata la giocatrice bulgara a operare lo strappo decisivo, nel punteggio e nel gioco, in virtù di fendenti con il rovescio bimane rivelatisi quasi sempre vincenti e letali per la transalpina. Break Evtimova per il 5-3, anche sfruttando alcuni errori di misura dell’avversaria. Nono gioco a decidere la prima parte di gara, con alterni vantaggi. In chiusura è stata la bulgara a conquistarlo e portarsi in vantaggio di un set (6-3). Evtimova ancora avanti di un’incollatura nel secondo set (4-3 e servizio). La tenacia della parigina ha fatto a questo punto la differenza. Mai doma e nonostante la stanchezza accumulata dopo la semifinale del giorno precedente si è rifatta sotto, prima sul 4-4, quindi sul 5-4. Trovando insperate energie fisiche e nervose ha riequilibrato la contesa vincendo 6-4 il set numero 2. Nel terzo la Evtimova è parsa inizialmente più in palla, precisa e tatticamente quasi perfetta. Per lei 3-1 e pensiero al titolo. Ancora una volta Alizè non si è piegata e grazie alla variazioni di ritmo di cui dispone (palle alte e arrotate avvicendate a smorzate ed improvvise accelerazioni) ha pareggiato i conti, prima sul 3-3, poi sul 4-4. Ecco la svolta per la tennista di Francia che ha fatto propri gli ultimi due giochi e conquistato il trofeo alla soglia delle tre ore di gioco, con il 6-4 di sigillo al confronto.
”Una bella settimana – ha detto al termine – nella quale ho dato fondo a tutte le energie fisiche e nervose di cui disponevo. Anche il pubblico mi ha aiutata gridandomi più volte “forza” durante i momenti difficili affrontati nel torneo. Un plauso anche allo staff medico e agli osteopati che mi hanno permesso il recupero dopo la dispendiosa semifinale”. Stesse parole da parte della Evtimova, che non ha sfruttato i momenti a lei favorevoli: “Non ho spinto quando avrei dovuto farlo – ha affermato con il sorriso sulle labbra – ma Alizè è stata bravissima a non mollare mai. Lo scorso anno ho subito diversi infortuni in ragione dei quali ho dovuto cambiare anche un po’ tecnicamente il mio tennis. In stagione conto di risalire in classifica. Molto dipenderà dai tornei che riuscirò a fare e dai punti che verranno di conseguenza. L’appuntamento con Torino è per il prossimo anno”.

Finale: Lim (Fra) – Evtimova (Bul) 3-6 6-4 6-4

[easymedia-gallery med="2685" filter="1"]

Roberto Bertellino  - Ufficio stampa torneo

 

I commenti sono chiusi