La “BENZINA” delle tenniste professioniste

Come e quando avere le giuste energie per affrontare il torneo e la fatica al top.

Sia per le giocatrici professioniste che per i dilettanti, le energie che sono richieste in un torneo di tennis ad alto livello sono notevoli.

Quando il nostro organismo consuma le energie il carburante che utilizza sono le calorie.

Per combattere invece le malattie utilizza soprattutto fibre e antiossidanti, minerali e vitamine.

I liquidi sono invece utilizzati per la regolazione termica (acqua in primis). Proteine e aminoacidi essenziali sono invece sfruttati per il rinnovo dei tessuti.

Ecco perché la dieta della tennista deve avere il giusto equilibrio tra questi elementi.

Il cibo va però dosato per ottenere le misure necessario che combinino i diversi elementi di cui il nostro organismo necessita, soprattutto a riguardo di elementi essenziali quali carboidrati, grassi, calcio, ferro, vitamine, amminoacidi e acidi grassi.

Alcune buone regole per le tenniste

I cali di zucchero sono uno dei principali punti di attenzione e quindi, circa 20 minuti prima di ogni incontro, l’idratazione è fondamentale. Quindi acqua (un litro circa) ed energia (barretta o banana).

La reintegrazione dei liquidi a fine match meglio ancora con acqua (circa un litro).

I carboidrati sono un altro elemento che si trova negli integratori energetici e che diventa importante alla fine di un incontro.

I muscoli richiedono invece proteine, mentre i carboidrati sono una delle principali fonti di energia del nostro organismo. Una tennista professionista che si allena quotidianamente per due ore, deve consumare almeno 350 grammi di carboidrati al giorno.

Quale menù tipo per la tennista professionale?

Colazione

Il primo pasto di un tennista deve contenere un quinto del suo fabbisogno giornaliero di calorie.

Perciò la colazione deve essere un pasto sostanzioso fatto di latte, cereali, uova, prosciutto, yogurt, pane, burro, marmellata e spremuta di arance.

Spuntino

A metà mattina la dieta prevede succo di frutta, pane, prosciutto cotto e qualche barretta energetica.

Pranzo

Pasta o riso con poco condimento. Se si deve fare una gara subito dopo, il pranzo finisce qui. Altrimenti si passa al secondo.

Il secondo piatto può comprendere pesce o petto di pollo ai ferri. Il contorno si sceglie fra insalata o verdure cotte in vario modo. Non mancano il pane, le bevande e il gelato finale.

Merenda pomeridiana

Il break del pomeriggio contempla frutta fresca, succhi di frutta e barrette energetiche.

Cena

Per il pasto serale vanno ancora bene la carne o il pesce alla griglia.  In alternativa ci sono i passati di verdura o di legumi, Si completa con contorno di verdura al vapore, pane, dolce o gelato.

I commenti sono chiusi